Giona – Il profeta che ha cercato di esecuzione da Dio


Giona – Il profeta che ha cercato di esecuzione da Dio Giona 1-4
Giona racconta la gente di Ninive che devono pentirsi dei loro peccati.
Negli anni in cui Eliseo è stato il profeta in Israele, i siriani erano una nazione forte, e spesso combattuto contro gli Israeliti. Ma dopo Eliseo morì la nazione siriana cresciuta più deboli, e via via non ha problemi a Israele più a tutti.      Poi un nuovo nemico si levò, dal paese dell’estremo oriente. Questo nuovo nemico era il re assiro, che stava conquistando molti paesi poco intorno. E nel frattempo stava mandando il suo esercito sempre più vicino alla frontiera-terra di Israele, e gli Israeliti cominciavano a temere di lui.
Ninive era la capitale degli Assiri, e la casa del grande re. E Ninive era una città grande. Si era fermato per centinaia di anni, ed era cresciuto sempre più grandi fino a migliaia e migliaia di persone che vivevano dentro le mura. Queste persone non serviva il vero Dio, ma adorati idoli. E anno dopo anno sono diventati più cattivi, finché Dio pensato che avrebbe distrutto tutti.
Ma Dio è misericordioso. Sapeva che gli abitanti di Ninive non avesse saputo di lui, come era il popolo di Israele, senza profeti era mai venuto a metterli in guardia sui loro malefatte. Così ha deciso di inviare loro un profeta in Israele per dire loro che la loro città sarebbe stata distrutta a causa dei loro peccati terribile.
Giona è il profeta che Dio ha scelto di inviare a Ninive. Ma Giona non voleva andare in quella città malvagia così lontano dalla sua patria. Sapeva che gli Assiri erano nemici degli Israeliti, e pensò che sarebbe stato meglio se Dio avrebbe distrutto la loro città che dare loro la possibilità di pentirsi dei loro peccati. Giona pensato: “non andrò a Ninive. Prenderò una nave giù al mare grande, e io salpare verso ovest del paese invece di andare verso il paese orientale. Allora, forse, posso ottenere così lontano che Dio non parlare con me più di andare a predicare a queste persone malvagie di Ninive “.
Giona è andato giù al mare dove trovò una nave pronta a salpare. Ha pagato il suo prezzo, salito a bordo della nave, e ha iniziato con i marinai di andare in una città chiamata Tarsis, lontano a ovest. Egli pensava che fosse molto sicuro ora, e temeva che non avrebbe dovuto andare a Ninive. Anzi, si sentiva così sicuro che egli scese in nave e subito si addormentò profondamente.
Ma Dio sapeva tutto dei piani di Giona, e Dio non ha voluto per il suo profeta a disobbedire lui. Aveva chiamato Giona di andare a predicare al popolo pagano a Ninive, e mandò una tempesta sul mare che minacciava di distruggere la nave. I marinai si spaventò e hanno invitato i loro dei per calmare i venti, ma il vento soffiava più forte che mai. Non sapevano cosa fare. Infine il capitano scese in nave e trovato Giona lì addormentato.
Il capitano si svegliò Giona e gli disse di invocare il suo Dio per l’aiuto in questo momento di difficoltà. Ma Giona non si sentiva molto come chiedere a Dio di aiutarlo quando era in fuga dal lavoro che Dio gli aveva detto di fare. Non c’è dubbio che la sua coscienza ha cominciato a tormentarlo molto, e quando vide il cruscotto forti onde contro la nave e lanciarla in giro come un circuito integrato in acqua, temeva che non avrebbe mai dovuto vedere di nuovo la terra ferma.
Quando la tempesta continuava a infuriare, i marinai decisero che uno di loro a bordo della nave deve essere la causa del problema, così hanno deciso di gettare la sorte e vedere su quale cadrebbe la sorte. E la sorte cadde su Giona.
Giona era uno straniero in mezzo a loro, ei marinai chiesti cosa terribile cosa che questo straniero aveva fatto. Essi si riuniscono attorno a lui e chiese: “Dicci, chi sei e qual è il vostro business?” E Giona ha detto loro che lui era dalla terra di Israele e che adorava il Dio che aveva reso il mare e la terraferma. Allo stesso tempo avevano paura, perché non sapeva un Dio così grande, e hanno pensato sicuramente era arrabbiato. Giona ha detto loro come avesse cercato di fuggire da Dio, ed essi credevano che Dio stava cercando di punirlo. Giona, anche creduto che Dio aveva mandato la tempesta sul suo conto.
“Che dobbiamo fare a voi che la tempesta cessi?” chiese agli uomini spaventati quando hanno visto che la loro nave sarebbe presto annienta se il vento e le onde hanno continuato a lanciare a questo proposito. E Giona rispose, “Getta fuori bordo me in acqua, e poi la tempesta finirà.” I marinai non ha voluto trattare Giona così crudelmente, ma quando videro che tutto sarebbe perduto se gli ha permesso di rimanere a bordo della nave, lo prese e lo gettarono in mare.
Ma Dio non era ancora finito con Giona. Aveva preparato un grosso pesce, e il pesce inghiottì Giona e lo portò su per tre giorni e tre notti prima di buttarlo fuori sui terreni. A quel punto Giona era molto disposto ad andare a Ninive e predicare il messaggio di Dio per la gente del posto.
Giona quando entrò in città cominciò a gridare: “Entro 40 giorni Ninive sarà distrutta!” E ancora si recò, per Ninive era una città grande, e in ogni strada dove passava si mise a gridare le stesse parole. E la gente ha smesso di ascoltare il suo messaggio strano. Non avevano mai vedere un profeta di Dio prima. Alcuni di loro corse a raccontare la loro re sulle parole di Giona, e il Re si spaventò. Si alzò dal suo trono e depose le vesti ricche e si vestì di sacco. Poi si sedette in cenere e si scusa per i suoi peccati. Ha comandato tutti gli abitanti della città per fare quello che stava facendo, e di piangere sinceramente a Dio per la loro vita.
Dopo aver finito di predicare Giona è andato fuori dalle mura grandi e attese di vedere la caduta fuoco dal cielo per bruciare i nemici degli Israeliti. Ma quaranta giorni passavano e nessun incendio è caduto. Perché la gente credeva messaggio di Giona e si pentirono dei loro peccati Dio non ha distrutto la loro città. Poi Giona fu molto dispiaciuto. Temeva che la gente potrebbe chiamarlo un falso profeta, e voleva morire, invece di tornare al suo paese proprio nuovo.
Dio ha insegnato una lezione di Giona, consentendo una zucca-vite di crescere in una notte e fare un rifugio per lui dal calore bruciante del sole. Allora Dio fece un verme per distruggere la zucca, e Giona fu molto infelice. Anche in questo caso ha voluto che egli morisse. Così il Signore parlò a Giona e gli disse: “Tu erano dispiaciuti per la morte delle piante, anche se non ce l’hanno fatta crescere. E se non ho più pietà della gente di Ninive di quello che hai su una pianta?” Giona imparato che Dio guarda uomini di ogni nazione come prezioso ai suoi occhi, anche se non so come per adorarlo.
Domani: La triste fine del regno di Israele

About brakeman1

Using every tool reaching out to those who seek the shinning light Jesus Christ gives to those who have faith. Keeping uninformed aware of bable with truth and meaning
This entry was posted in Discipleship. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s